grazie alla passione e all’arte degli amici..

del gruppo fotografico Incontro di Immagini e dell’Accademia nazionale di MB che hanno condiviso con noi l’obiettivo della salvaguardia del suolo da costruire con la raccolta firme che continua in stazione …                                                                                         Il paesaggio, i luoghi, gli elementi della cultura materiale che costituiscono le basi della costruzione di questo territorio si disvelano lungo il percorso; appaiono come fondali scenografici sorprendenti si imprimono nella memoria per la loro varietà e la loro ricchezza….

Questo slideshow richiede JavaScript.

…Gli elementi della natura, ma non solo, le opere idrauliche per l’irrigazione dei campi, le costruzioni dell’antico lavoro agricolo, i piccoli manufatti e gli oggetti raccontano la bellezza e l’armonia della lenta costruzione della storia fatta da uomini che, con il lavoro, hanno modellato e trasformato la terra costruendo un benessere capace di rispettarne la biologia e la ricchezza…ma allora è sempre più indispensabile arrestare lo spreco di suolo fertile, l’impoverimento derivato dalla riduzione di biodiversità e dall’inaridimento con nuove regole e con il riconoscimento dell’unicità di questa risorsa naturale,essenziale,limitata,non rinnovabile…

Questo slideshow richiede JavaScript.

…con la bici per conoscere e apprezzare luoghi, paesaggi, storia del nostro territorio, un mezzo adeguato che può essere abbinato alla ferrovia, vicina…sul treno per raggiungere mete distanti per ribadire un no deciso a progetti improponibili -vedi pedemontana e tangenziali- a favore di una strategia basata sulla razionalizzazione della rete stradale esistente e sul potenziamento del trasporto pubblico, soprattutto la ferrovia, potenziale metropolitana di superficie di collegamento est-ovest, risorsa disponibile che attende solo di essere valorizzata per risparmiare altro territorio ed evitare altra urbanizzazione di contorno…

Conosci…Apprezza…Firma…

IMG-20170424-WA0010E’ stata una bella giornata quella di ieri che ha visto la partecipazione di tante persone, tanti bikers ma anche cittadini che sono venuti in Green Station, alla stazione di Brenna Alzate per la firma dedicata alla tutela del suolo: bambini, ragazzi e adulti hanno partecipato a questa passeggiata di 20 km che ha fatto conoscere il territorio attorno al lago di Alserio attraverso un percorso che, con partenza dalla stazione, ha attraversato aree prative, zone boscate, aree urbanizzate mostrandone la ricchezza degli ambienti e la varietà naturalistica. Dalla collina terrazzata del Castello Durini al nucleo agricolo di Carbusate fino bosco della Buerga, al Piano d’Erba e all’abitato di Carcano passando dai  luoghi del lavoro e della produzione agricola per approdare in punti panoramici da cui si può abbracciare con lo sguardo la corona delle Prealpi… L’obiettivo della passeggiata era quella di far conoscere questo bel territorio a due passi dalla linea ferroviaria, accessibile anche a chi viene da lontano se utilizzasse il binomio treno-bici, che tanto stiamo promuovendo, territorio che, nonostante la crisi, è continuamente minacciato dalle lottizzazioni e da progetti assurdi di Pedemontana che hanno e avrebbero, se dovessero effettivamente essere anche solo iniziate, un effetti distruttivo su questo bene comune non più rimpiazzabile…Questa ricchezza di ambienti e di naturalità deve essere preservata, anche al di la dei confini del parco, dall’impoverimento, dalla contaminazione, dal consumo del suolo attraverso una nuova regolamentazione che sappia leggere le criticità e la fragilità delle situazioni per orientare gli interventi di trasformazione e di riqualificazione … ecco che allora la firma fatta dai cittadini, dagli sportivi, da coloro insomma che vivono queste realtà, diventa importantissima perchè è un modo efficace per dichiarare la propria volontà di tutela e di salvaguardia di un bene comune così prezioso fondamentale per la nostra vita.20170423_125144 (1)
Dopo la passeggiata un buffet offerto da Legambiente ai partecipanti ha predisposto tutti alla conoscenza e al dialogo  con la promessa di nuova partecipazione alle  iniziative che l’associazione sta mettendo in campo in Green Station. Tra i firmatari della petizione per la tutela del suolo anche l’assessore all’ambiente del comune di Cantù  Emanuele Tagliabue che è venuto a trovarci in stazione che ringraziamo per il suo contributo così come dobbiamo ringraziare le guide dell’Accademia Nazionale di mountain bike, Paola e Franco, che hanno accompagnato il gruppo lungo il percorso, e i fotografi del Gruppo fotografico Incontro d’Immagini con i quali, da un po di tempo, collaboriamo per rendere sempre più visibile il lavoro di sensibilizzazione alla conoscenza e alla consapevolezza della ricchezza dei nostri luoghi 

Questo slideshow richiede JavaScript.

le foto con il simbolo sono state scattate  dal Gruppo Fotografico Incontro d’Immagini

Diario dalla stazione

20170415_150543Ogni volta è un nuovo inizio; la voglia di vedere vivere questo luogo ci da lo sprone per intraprendere azioni impegnative come il recupero del vecchio stabile adiacente il fabbricato della stazione che versa in condizioni critiche ma che è parte di questo luogo e, in quanto tale, una risorsa disponibile… Il recupero di questa struttura in mattoni si presenta arduo e delicato per le condizioni della muratura, per l’assenza totale della copertura per la fragilità della struttura,tutta. Vogliamo che torni ad essere funzionale alla stazione, che possa accogliere nuove energie per dar vita ad un ‘luogo’ che sia nuovamente riferimento per la gente che usa il treno e non solo. Vorremmo che diventasse una struttura adeguata ad  accogliere attività temporanee legate alla ristorazione ma anche, e soprattutto, l’espressione della volontà di riuso di uno stabile che, nonostante fosse utilizzato in passato per ‘funzioni meno nobili’….erano i bagni pubblici…. conserva ancora i caratteri decorativi e formali degli edifici ottocenteschi con sfondati che disegnano le pareti, lesene e cornici che ne rimarcano il sapore ‘antico’… Un vecchio piccolo fabbricato ma con un grande potenziale se lo si guarda con gli occhi della risorsa, cosi come la vecchia stazione e la linea ferroviaria di cui fa parte

SalvailSuolo: conosci, apprezza,tutela …

 

locandinaLegambiente, insieme ad altre 300 associazioni organizzano una raccolta firme per promuovere una legge europea a tutela del suolo: sarà necessario raccogliere un milione di firme entro settembre affinché venga riconosciuto come ‘bene comune’ e vengano definite norme specifiche per la protezione del suolo da erosione, impermeabilizzazione, perdita di materia organica, perdita di biodiversità e contaminazione.

C’è bisogno anche della tua firma: partecipa alle iniziative promosse presso la Green Station di Brenna-Alzate. Sabato 22 aprile, in occasione della Giornata Mondiale della Terra, le guide dell’Accademia Nazionale di MTB accompagneranno i bambini in una passeggiata nei boschi. Domenica 23 aprile sarà possibile scoprire il territorio dalla stazione al lago di Alserio con un percorso in bike di 20 km, ricchissimo di bellezze naturali e affascinante per la molteplicità di habitat da attraversare. Dopo la registrazione, prima della partenza, verranno raccolte le firme che speriamo saranno numerose perchè senza una tutela mirata e condivisa questo bene prezioso e comune già pesantemente compromesso è destinato a sparire sotto colate di cemento. Dopo la passeggiata domenica sarà possibile fermarsi in stazione per uno spuntino insieme. Veniteci a trovare e aiutateci a sostenere questa iniziativa

 

 

 

 

in mostra….

20170213_101028Un allestimento particolare occupa le stanze al piano terra della Green Station…fatto di rete metallica, rami di nocciolo e immagini che mostrano la bellezza dei luoghi attorno alla nostra stazione. E’ frutto del lavoro dei ragazzi che hanno fatto l’esperienza di scuola-lavoro  presso la Green Station che con allegria e inventiva hanno utilizzato il materiale disponibile ‘costruendo’ un’ambientazione originale e unica che rimarrà disponibile per chi volesse visitarla ancora per un po’; alcuni oggetti, frutto della fantasia e dello ‘zampino’ di Giacomo fanno da corollario a tanta creatività che rende stimolante e vivo questo luogo

Questo slideshow richiede JavaScript.