…scopriamo il territorio: lo stagno

20190515_102654Ieri mattina abbiamo fatto una bellissima passeggiata con i bambini della primaria di Alzate alla scoperta dell’ambiente dello stagno; un percorso che ha attraversato i boschi attorno al santuario della Madonna di Rogoredo di Alzate e che si è concluso ripercorrendo il collegamento, ormai consueto, che porta i bambini della scuola in stazione. Dopo la visita fatta a Sant’Adriano, alla scoperta del romanico lombardo da parte delle classi quinte della scuola primaria Anzani di Alzate Brianza è la volta di una escursione alla ricerca delle zone umide: i ragazzi delle classi quarte, accompagnati dalle loro insegnanti e dei volontari di Legambiente, hanno percorso i sentieri di Alzate e del vallone di Brenna attorno alla stazione e al santuario di Alzate alle ricerca delle zone umide che qualificano questi boschi; due piccoli luoghi caratterizzati da complessità ecologica diversa e da un diverso contesto verde. Queste zone, ai piedi delle morene, sono favorevoli alla formazione di pozze d’acqua, più o meno grandi, più o meno permanenti, che presentano una moltitudine di vita, vegetale ed animale, incredibile, collocate in contesti che spesso consideriamo secondari. Ma, per la loro bellezza, la loro naturalità, la loro fragilità, costituiscono il patrimonio naturale fondamentale per questo territorio, risorse inestimabili per la loro limitata presenza e per la bellezza che contribuiscono a definire: 20190515_092322i paesaggi che si aprono sui campi e sulle montagne, sbucando dal verde dei boschi e dei prati rigogliosi sono arricchiti dalla presenza di queste acque che scaturiscono da punti di risorgiva, inaspettati… In questo territorio fatto di ferretto, le zone umide presentano una grande ricchezza di biodiversità che i bambini hanno potuto vedere e riconoscere, stimolati dai volontari che hanno seguito il gruppo e dalle maestre che hanno collaborato con entusiasmo…anche quando Giacomo, ha proposto un’alternativa al tracciato classico: la conoscenza del territorio, vicino a casa, si è rivelata più avventurosa del previsto. Tutti i bambini hanno seguito Giacomo, alla scoperta dell’alveo della Roggia Vecchia e del sottopasso della ferrovia Como-Lecco, una piccola deviazione dal sentiero che ha condotto i bambini a risalire rive, percorrere alvei asciutti e avventurarsi oltre i sentieri riconoscibili… scontato il grande fascino esercitato sui bambini che hanno seguito il nostro instancabile “nonno” fino allo specchio d’acqua oltre la ferrovia! Un grazie va alle insegnanti delle classi quarte che ci hanno dato fiducia e hanno partecipato attivamente con entusiasmo e allegria.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

…scopriamo le erbe del bosco…

IMG-20190507-WA0000 Riproponiamo questa bellissima iniziativa alla scoperta delle erbe edibili che si trovano nei prati e nei boschi attorno alla stazione; Francesco e Fulvia ci guideranno in questa passeggiata con un racconto affascinante che ci farà riconoscere e comprendere le proprietà e le qualità delle erbe spontanee che poi potranno essere gustate insieme…

E’ necessaria la prenotazione!                        vi aspettiamo numerosi…

Bike Station project: una escursione conoscitiva

IMG-20190512-WA0011Domenica si è svolta l’escursione in bike, con Paola e Franco, le guide di mtb verso la Zoca di Pirutit, nel parco Groane-Brughiera; nella stessa mattinata, con un’escursione a piedi, un gruppo di persone, accompagnate dal presidente del Comitato del Parco Brughiera, Tiziano Grassi, e dalle guardie ecologiche del parco, hanno percorso i sentieri delle aree di brughiera partendo dalla Fontana del Guercio e fermandosi  in Green Station per visitare la nostra realtà in uno scambio di visite conoscitive di questo territorio. La realtà del nuovo parco è tutta da scoprire per coloro che abitano le due realtà territoriali: le Groane hanno i caratteri dei parchi di pianura con prati e boschi che circondano un’urbanizzato continuo e diffuso diversamente dalle aree del parco Brughiera , collinari, con vaste aree verdi boscate che ancora conservano una ricca biodiversità e una continuità areale importante.

La Zoca, testimonianza dell’antica attività estrattiva dell’argilla, è un elemento emblematico della comune natura che caratterizza le due vaste aree, che,  per una superficie di quasi 8000 ha, è uno dei parchi più estesi della regione. Le passeggiate  divengono un’occasione per far conoscere una unità di territorio  che, di fatto, potrebbe assumere ben altre dimensioni se solo si tornasse a proporre l’ampliamento dei vincoli nelle aree a nord di Cantù, incluse nei comuni della provincia di Como che da sempre identificavano il Parco della Brughiera

 

BIKE STATION PROJECT: andar per parchi

12-5-19bikeRiproponiamo una bella passeggiata in bici con le nostre guide Paola e Franco attraverso le aree verdi  alla scoperta del Parco Groane-Brughiera, lungo percorsi che raccontano la continuità ecologica e ambientale di questo territorio, al di la dei confini  amministrativi di comuni e parchi. Sarà un percorso all’interno di un sistema verde interconnesso da corsi d’acqua, da boschi, da prati e aree coltivate e dalla ricchezza di espressioni dell’arte e della storia materiale… un sistema verde  che deve essere difeso dal consumo di suolo, dall’impoverimento delle risorse derivato dagli impatti dell’azione umana, dall’indifferenza verso il continuo depauperamento della biodiversità messa a rischio da inquinamento, riduzione dell’habitat e urbanizzazione.

IMG-20190503-WA0002

Una ricchezza ambientale, storica, naturale fondamentale per lo sviluppo veramente sostenibile di questa vasta area che occorre difendere e promuovere estendendo la tutela alle aree verdi anche a nord di Cantù, in quegli ambiti che ancora sono esclusi dal parco  La nostra passeggiata vuole stimolare nuovamente la consapevolezza della bontà di questa richiesta e la necessità di mantenere l’attenzione sulle azioni e le previsioni per questo territorio continuamente messo sotto pressione dall’azione sempre più insistente della ‘città che si espande’… In bici per raggiungere, ripercorrendo alcuni sentieri del parco Brughiera, monumenti e piccoli laghi che la storia dell’uomo ha lasciato come traccia pregevole a qualificare e valorizzare questa natura ‘addomesticata’… Ma anche a piedi…! perchè domenica si svolgerà una passeggiata “Alla scoperta della Brughiera” che interesserà il territorio ‘fuori dal parco’ e che passerà dalla stazione, ormai luogo di incontro e scambio …          VI ASPETTIAMO!! 

cartaZocaF   cartaZocaR

Bike Station Project: il lago di Alserio e la piana irrigua

loc.14.04.19Vi invitiamo a partecipare alla passeggiata di domenica 14 aprile alla scoperta del Lago di Alserio e della piana verde, irrigua, che si estende a nord del lago. 

Le guide di MTB Paola e Franco vi accompagneranno in questo bellissimo giro che, partendo dalla stazione di Brenna Alzate, toccherà Fabbrica Durini per poi dirigersi verso Alserio e ai sentieri che circondano il lago. Una passeggiata di circa 20 km per godere del bellissimo paesaggio delle prealpi riflesse nelle acque calme del lago e degli ambienti diversi che caratterizzano questo contesto.

Il Dossier Pendolaria

gronda pedemontanaSabato 30 marzo si è tenuta la presentazione del Dossier Pendolaria in Green Station; tanti gli invitati, tante le persone che sono venute per conoscere lo stato dell’arte delle Ferrovie Italiane e soprattutto la condizione delle linee sul nostro territorio. Presenti la presidente Barbara Meggetto di Legambiente Lombardia, Costanza Panella del coordinamento dei circoli delle province di Como e Lecco, Cristina Vaccani e Marco Lamon del comitato pendolari, i circoli locali di Como, Cantù, Erba e Lecco, i consiglieri regionali del Partito Democratico, Orsenigo e del Movimento 5 stelle, Erba, il presidente Agenzia TPL Como Lecco Varese, Colzani e il sindaco di Brenna Vismara; con la guida di Graziella Erba, che ha accolto gli ospiti e espresso il pensiero del circolo sull’importanza della linea e sulla necessità di concepirla all’interno di un sistema su ampia scala, a più voci sono emersi i problemi legati alla gestione dei treni e degli orari nel 2018. Lo standard di affidabilità si è abbassato soprattutto sulla linea Lecco-Milano e sulla linea Como-Lecco; ritardi quotidiani, soppressioni dei treni, mancanza di coordinamento e di interscambio, carenze sulla linea sono i problemi messi in evidenza dal comitato dei pendolari, dai circoli e dagli amministratori a fronte di dati confortanti in merito all’andamento del traffico pendolare, un aumento del 15% dei pendolari dal 2011 al 2017, e del n° di KM*treni nella nostra regione rispetto ad un volume ben più contenuto nel resto di Italia e quasi assente al sud. passeggeritreni1

A fronte di questa evidente differenza Legambiente propone lo studio di un piano per il trasporto pubblico, comprendendo anche il trasporto merci oltre che l’incremento dell’offerta per migliorare e aumentare il trasporto pendolare. Dalle istituzioni emerge la necessità di garantire un migliore funzionamento delle linee anche attraverso una intermodalità più efficace e l’efficentamento delle linee attraverso l’elettrificazione su cui, anche il rappresentante dell’ATP concorda inquadrando un comparto di riferimento che va dal lago Maggiore a Rovato. Questa linea può divenire un importante tassello in un sistema di mobilità connesso con le linee internazionali per l’Europa e Malpensa, gronda pedemontana con andamento est-ovest nel sistema della rete ferroviaria regionale ma servono investimenti orientati e una progettualità che prediliga la mobilità su ferro e la sua interrelazione con il trasporto pubblico su gomma per cambiare le abitudini consolidate che vedono l’uso dell’auto come unica soluzione al problema